LE GRANDI MOSTRE

Pagina 2 di 9 Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9  Seguente

Andare in basso

Re: LE GRANDI MOSTRE

Messaggio Da miss marple il Mer 6 Feb 2013 - 13:36

http://www.repubblica.it/speciali/arte/recensioni/2013/02/04/news/se_bob_dylan_scopre_l_arte_del_pennello-51933884/

Se Bob Dylan scopre la pittura
A Milano la prima mostra italiana del grande "menestrello" del rock. Che disegna sin dai suoi primi anni di carriera musicale ma solo di recente si è deciso a esporre le sue opere nel mondo. La sua fugace apparizione a Palazzo Reale


Da Bowie a Marilyn Manson, i rocker che dipingono
MILANO - Non sentiremo riecheggiare le note di Bob Dylan dentro gli spazi di Palazzo Reale a Milano, ma potremo osservare le forme e i colori e delle sue composizioni pittoriche. Apre oggi al pubblico la mostra "The New Orleans Series", la prima esposizione in Italia in uno spazio pubblico del cantautore americano, curata dal critico-star Francesco Bonami, che l'assessore alla cultura Stefano Boeri ha voluto come nuovo responsabile del calendario espositivo milanese.



Bob Dylan, figura simbolo degli anni '60 della canzone impegnata e di protesta, eclettico e irrequieto nell'arte come nella vita, oltre ad aver sperimentato nei suoi 50 anni di carriera generi musicali diversi, ha messo alla prova la sua creatività anche in altri ambiti espressivi. Ricordiamo il Dylan poeta, romanziere, intellettuale impegnato, attore, e ora abbiamo l'occasione di conoscere anche il pittore. Che disegnare e dipingere fosse uno dei suoi linguaggi artistici preferiti, lo ha spesso dichiarato, ma ultimamente si è spinto oltre, ammettendo di sentirsi più a suo agio davanti a una tela da colorare, che a un foglio bianco da riempire.

Tutto ha preso il via nel 1966, quando vittima di un incidente motociclistico, che lo costrinse a stare a letto per alcuni mesi, si ritrovò a maneggiare pennelli e colori, che da lì in poi non ha più abbandonato. Disegna quando va in tournée, trova tempo per dedicarsi alla pittura mentre compone musica, insomma il linguaggio visivo è un aspetto della sua artisticità, che sta iniziando a prevalere sul resto. Negli Stati Uniti ha reso pubblici i suoi lavori già molte volte, conquistando anche una delle più ambite gallerie al mondo, la newyorkese Gagosian Gallery, ma fu snobbato dalla critica piuttosto inclemente in quella occasione; in Europa ha esposto per la prima volta nel 2007 con una personale organizzata al Kunstmuseum di Chemnitz, in Germania e ora l'esibizione milanese ci offre l'occasione per un incontro ravvicinato con i suoi lavori.

La serie in mostra presenta 22 dipinti recenti, per lo più ripresi da immagini fotografiche, che illustrano una New Orleans degli anni 50 decadente, avvolta in tinte terrose, piuttosto tetra, fatta di angoli angusti e figure enigmatiche, come fossero ritratti usciti da un noir alla James Ellroy. Il tratto semplice e la pennellata pastosa, " che richiama lo stile di Gauguin, ma con colori tendenti al cupo", ha spiegato con leggero azzardo il curatore Francesco Bonami, rimanda piuttosto alla pittura americana figurativa d'inizio secolo, come se anch'egli avesse frequentato da studente discreto, le lezioni di Robert Henry, grande maestro di Edward Hopper, Rockwell Kent, George Bellows e Man Ray. Con la determinazione di chi pratica la dimensione di artista totale, data dall'innegabile capacità e volontà di percorrere tutte le direzioni possibili, l'autore di "Blowin' in the Wind" prosegue la sua ricerca tra le pieghe espressioniste e metafisiche della grande pittura del novecento, con la convinzione che: "Bisogna credere in ciò che si fa e dedicarsi a quello". È facile rimanere intrappolati in quello che la gente pensa che dovresti fare. Ma restare convinti di questo ha un suo prezzo".

Rimane da chiedersi come mai uno spazio istituzionale come Palazzo Reale abbia in questo caso ceduto più alla celebrità del personaggio che alla sua statura artistico-pittorica. C'è chi sostiene che i musei con queste operazioni corrano il rischio di diventare luoghi d'intrattenimento piuttosto che di studio e approfondimento; ma esporre una "passeggiata alternativa" di chi ha già tanto dimostrato, è in realtà, molto più di altre, un'onesta opportunità per attrarre e accorciare le distanze con un pubblico che diversamente non si avvicinerebbe.

Una curiosità. Bob Dylan non ha presenziato all'inaugurazione, ma il curatore ha raccontato che "il menestrello del rock" è passato dalle sale di Palazzo Reale per vedere la mostra, che ha molto apprezzato. Con insistenza ha voluto conoscere il giudizio di chi le sue opere le aveva toccate, spostandole e appendendole, allestendo la mostra. Poi, come nel suo stile, non si è concesso a nessuno e soddisfatto, sostengono, ha lasciato Milano.

Notizie utili. A Palazzo Reale. Piazza Duomo, 12 Milano. Lunedì dalle 14.30 alle 19.30 Martedì, Mercoledì, Venerdì e Domenica dalle 9.30 alle 19.30 Giovedì e Sabato dalle 9.30 alle 22.30. Ultimo ingresso mezz'ora prima della chiusura. Ingresso libero. Aperta fino al 10 marzo 2013.
(04 febbraio 2013)


avatar
miss marple

Messaggi : 5556
Data d'iscrizione : 04.09.12

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: LE GRANDI MOSTRE

Messaggio Da La Sкaßalqaatsaя il Mer 6 Feb 2013 - 23:15

questo è uno dei suoi quadri?

_________________
si legge SCASSALCÁZZAIA

avatar
La Sкaßalqaatsaя
Admin

Messaggi : 3968
Data d'iscrizione : 04.09.12

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: LE GRANDI MOSTRE

Messaggio Da miss marple il Mer 6 Feb 2013 - 23:21

sì, ha uno stile che ricorda un po' il periodo inizio '900

_________________
avatar
miss marple

Messaggi : 5556
Data d'iscrizione : 04.09.12

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: LE GRANDI MOSTRE

Messaggio Da La Sкaßalqaatsaя il Mer 6 Feb 2013 - 23:21

bello

_________________
si legge SCASSALCÁZZAIA

avatar
La Sкaßalqaatsaя
Admin

Messaggi : 3968
Data d'iscrizione : 04.09.12

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: LE GRANDI MOSTRE

Messaggio Da miss marple il Gio 21 Feb 2013 - 0:50


Palazzo Reale di Milano apre le sue sale a Modigliani, Soutine e agli artisti della collezione Netter

In programma a Palazzo Reale dal 21 febbraio all’8 settembre 2013






(mi-lorenteggio.com) Milano, 20 febbraio 2013 – Si inaugura oggi a Palazzo Reale la mostra “Modigliani, Soutine e gli artisti maledetti. La collezione Netter”: oltre 120 le opere in mostra per ricostruire il percorso degli artisti che vissero a Parigi nel quartiere di Montparnasse agli inizi del ‘900: Modigliani, Soutine, Utrillo, Suzanne Valadon, Kisling e molti altri.

La mostra, in programma a Palazzo reale dal 21 febbraio al’8 settembre 2013, è promossa dall’Assessorato alla Cultura, Moda e Design del Comune di Milano, Palazzo Reale, Arthemisia Group e 24 ORE Cultura – Gruppo 24 ORE.

Le opere in mostra risalgono tutte ad un periodo affascinante e fondamentale della storia dell’arte. Periodo che di lì a poco verrà definito bohémien e che, come scrive il curatore Marc Restellini, vede “questi spiriti tormentati” esprimersi “in una pittura che si nutre di disperazione. In definitiva, la loro arte non è polacca, bulgara, russa, italiana o francese, ma assolutamente originale; semplicemente, è a Parigi che tutti hanno trovato i mezzi espressivi che meglio traducevano la visione, la sensualità e i sogni propri a ciascuno di loro. Ed è a Parigi, ‘l’unico luogo al mondo in cui la rivolta ha il diritto di cittadinanza’, prima a Montmartre e poi a Montparnasse, che quegli artisti – tutti ebrei – si sono ritrovati per tentare la sorte”.

Ed ebreo era anche Jonas Netter, una figura fondamentale per gli artisti in mostra, senza il quale molti tra loro non avrebbero avuto di che vivere e dipingere: il percorso espositivo mette a confronto i capolavori acquistati nell’arco della sua vita da Netter, che, affascinato dall’arte e dalla pittura, diventa un estimatore illuminato e un acuto riconoscitore di talenti.

Netter conosce Modigliani, Soutine, Utrillo ed entra in contatto con Valadon, Kisling, Krémègne, Kikoïne, Hayden, Ébiche, Antcher e Fournier.
Di Modigliani Netter ama soprattutto i volti femminili stilizzati su lunghi colli affusolati, come Elvire au col blanc (Elvire à la collerette) del 1917-18 e Fillette en robe jaune (Portrait de jeune femme à la collerette) del 1917, entrambi esposti insieme a Portrait de Zborowski del 1916 e Portrait de Soutine, anch’esso realizzato nel 1916 dopo l’incontro tra i due artisti che stringono una solida amicizia, al punto che è proprio Modigliani a presentare a Netter Soutine. Di Chaim Soutine sono esposti in mostra oltre venti olii – una vera e propria mostra dentro la mostra – tra cui L’Homme au chapeau, L’Escalier rouge à Cagnes e La Folle.
Allo stesso modo Netter scopre i quadri del cosiddetto periodo bianco di Utrillo, soprattutto vedute, tra le quali in mostra Place de l'église à Montmagny, Église de banlieu e Rue Muller à Montmartre. Netter decide di proteggere questo eterno fanciullo disincantato, preda sin dall’adolescenza dei fumi dell’alcool, innamorato della madre, Suzanne Valadon, valente e originale pittrice, anche ella presente con le sue opere in mostra, come Ketty nue s'étirant o Église de Neyron. (in allegato le biografie degli artisti)

Corrado Augias, autore di una monografia sul genio creativo e la vita di Modigliani, commenta il percorso della mostra nell’audioguida - disponibile in biglietteria e inclusa nel prezzo del biglietto - nonché in un video proiettato all’interno del percorso espositivo.

L’ingresso alla mostra “Modigliani, Soutine e gli artisti maledetti. La collezione Netter” prevede una tariffazione nuova con riduzioni per molte categorie di visitatori, tra cui le famiglie.

Presso il MIC – Museo Interattivo del Cinema di Viale Fulvio Testi 121, dal 15 al 29 marzo, l’Assessorato alla Cultura, Moda, Design ha voluto realizzare, in collaborazione con la Fondazione Cineteca Italiana, un omaggio cinematografico intitolato “Modì tra arte e cinema” e costituito da tre pellicole dedicate ad Amedeo Modigliani: Modì, Vita di Amedeo Modigliani, ritratto dell’artista toscano tracciato da Franco Brogi Taviani, in tre puntate; I colori dell’anima di Mick Davis, con Andy Garcia (2004); e il documentario Le Vere False Teste di Modigliani del regista toscano Giovanni Donfrancesco, che ricostruisce la vera storia della nota beffa ordita da tre studenti ai danni del mondo dell’arte.
Info
www.mostramodigliani.it | www.comune.milano.it/palazzoreale

_________________
avatar
miss marple

Messaggi : 5556
Data d'iscrizione : 04.09.12

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: LE GRANDI MOSTRE

Messaggio Da miss marple il Gio 21 Feb 2013 - 23:46

non si può togliere d'autunno dal titolo del topic?
ormai siamo in primavera quasi cucu sorrisodiscuse

_________________
avatar
miss marple

Messaggi : 5556
Data d'iscrizione : 04.09.12

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: LE GRANDI MOSTRE

Messaggio Da sturmunddrang il Ven 22 Feb 2013 - 8:18

qui nevica alura
avatar
sturmunddrang
Admin

Messaggi : 3843
Data d'iscrizione : 05.09.12

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: LE GRANDI MOSTRE

Messaggio Da miss marple il Ven 22 Feb 2013 - 12:37

beh però al massimo sarebbero mostre d'inverno non d'autunno Cool
quindi meglio togliere lo stagionale prr

_________________
avatar
miss marple

Messaggi : 5556
Data d'iscrizione : 04.09.12

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: LE GRANDI MOSTRE

Messaggio Da sturmunddrang il Ven 22 Feb 2013 - 13:13

per me procedi pure fon
avatar
sturmunddrang
Admin

Messaggi : 3843
Data d'iscrizione : 05.09.12

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: LE GRANDI MOSTRE

Messaggio Da miss marple il Ven 22 Feb 2013 - 17:34

Embarassed sudo freddo musico rimba confuso sorrisodiscuse

_________________
avatar
miss marple

Messaggi : 5556
Data d'iscrizione : 04.09.12

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: LE GRANDI MOSTRE

Messaggio Da miss marple il Ven 22 Feb 2013 - 17:37

ce l'ho fatta scopa speedy

_________________
avatar
miss marple

Messaggi : 5556
Data d'iscrizione : 04.09.12

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: LE GRANDI MOSTRE

Messaggio Da sturmunddrang il Ven 22 Feb 2013 - 20:01

Very Happy
avatar
sturmunddrang
Admin

Messaggi : 3843
Data d'iscrizione : 05.09.12

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: LE GRANDI MOSTRE

Messaggio Da sunflower il Mar 26 Feb 2013 - 10:40

Un paio di mostre che ho appena trovato:

La collezione di Marinetti in mostra e in vendita a Roma




Alla galleria Russo fino al 15 marzo

Più di 40 opere provenienti dalla collezione privata di Filippo Tommaso Marinetti sono esposte - ed eccezionalmente in vendita - negli spazi della galleria Russo di Rom a fino al 15 marzo 2013.

La mostra Marinetti chez Marinetti presenta una vasta panoramica che comprende Luigi Russolo, Tullio Crali, Fortunato Depero, Ardengo Soffici, Rougena Zátková, Antonio Marasco, Gino Galli, Renato Di Bosso e Mino delle Site, per citare alcuni degli artisti più rappresentativi del Futurismo, e raccoglie materiali inediti o poco conosciuti, conservati in casa Marinetti.

Una sezione a parte dell’esposizione, curata da Maurizio Calvesi, è dedicata a opere provenienti da altre importanti collezioni: quella di Margherita Sarfatti e quella di casa Balla.

E questa,certamente un po' fuorimano ma ugualmente degna di nota.

Preraffaelliti: arte vittoriana e design



Fino al 19 maggio 2013 una mostra alla National Gallery of Art di Washington

Con una combinazione di ribellione, precisione scientifica, bellezza e fantasia, i Preraffaelliti crearono un’arte che sconvolse la Gran Bretagna del XIX secolo. Fino al 19 maggio 2013, la National Gallery of Art di Washington presenta Preraffaelliti: arte vittoriana e design, 1848-1900, la prima importante indagine dedicata a questo gruppo di artisti mai presentata negli Stati Uniti.

Sono in mostra circa 130 dipinti, sculture, fotografie, opere su carta, e oggetti d’arte decorativa che riflettono gli ideali del primo movimento britannico dell’età contemporanea.

«I Preraffaelliti respinsero le rigide regole che governavano la pittura agli albori dell’era vittoriana britannica per lanciare il primo movimento d’avanguardia» ha spiegato Earl A. Powell III, direttore del museo. «Siamo entusiasti di presentare questa mostra rara al nostro pubblico e riconoscenti per i prestiti».

Il movimento fu fondato a Londra nel settembre 1848, un periodo di grandi cambiamenti politici e sociali, durante il quale molti lamentavano la perdita della bellezza e della spiritualità a causa dell’industrializzazione.

Membri principali della «confraternita» furono i pittori John Everett Millais, Dante Gabriel Rossetti e William Holman Hunt, giovani studenti presso la Royal Academy of Arts, per i quali Raffaello rappresentò l’apice dei risultati estetici, mentre al medioevo e al Rinascimento attinsero l’ispirazione per portare nuova purezza e intensità all’arte britannica, sia che dipingessero soggetti tratti da Shakespeare o dalla Bibbia, sia che scegliessero i paesaggi delle Alpi o una veduta dalla finestra.

Il sito della mostra: http://www.nga.gov/exhibitions/preraphaelites.shtm#library
avatar
sunflower

Messaggi : 2282
Data d'iscrizione : 25.02.13
Età : 31

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: LE GRANDI MOSTRE

Messaggio Da miss marple il Mar 26 Feb 2013 - 12:15

grazie sun, mi sa però che per andare a vedere la seconda ci vuole questa scopa

Very Happy

_________________
avatar
miss marple

Messaggi : 5556
Data d'iscrizione : 04.09.12

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: LE GRANDI MOSTRE

Messaggio Da sunflower il Mar 26 Feb 2013 - 12:43

hai ragione miss! infatti l'ho scritto,ma mi è piaciuta tanto e l'ho messa lo stesso. come sapete non so resistere a qualsiasi cosa riguardi l'arte,scusate! sorrisodiscuse Very Happy
avatar
sunflower

Messaggi : 2282
Data d'iscrizione : 25.02.13
Età : 31

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: LE GRANDI MOSTRE

Messaggio Da La Sкaßalqaatsaя il Mar 26 Feb 2013 - 12:55

fighissime ste due mostre. washington lontanuccia però. ci andrei via mare Very Happy

_________________
si legge SCASSALCÁZZAIA

avatar
La Sкaßalqaatsaя
Admin

Messaggi : 3968
Data d'iscrizione : 04.09.12

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: LE GRANDI MOSTRE

Messaggio Da miss marple il Mar 26 Feb 2013 - 13:48

e figurati se non ne approfittavi per una crociera veloce-veloce Laughing

_________________
avatar
miss marple

Messaggi : 5556
Data d'iscrizione : 04.09.12

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: LE GRANDI MOSTRE

Messaggio Da sunflower il Sab 2 Mar 2013 - 11:12

MOSTRA A ROMA SU TIZIANO: ZORZATO


La mostra “Tiziano” è in programma presso le Scuderie del Quirinale di Roma dal 4 marzo al 16 giugno prossimi. Ne farà parte integrante anche il documentario '”Tiziano e il Veneto”, voluto e realizzato dalla Scuola Grande di San Rocco di Venezia con il sostegno della Regione del Veneto, che propone una ricognizione per immagini e suoni sui luoghi e i capolavori di Tiziano custoditi nel Veneto. Il filmato, della durata di circa 12 minuti, verrà proiettato in continuato in una sala lungo il percorso espositivo, così come avvenuto lo scorso anno con la mostra dedicata a Jacopo Tintoretto che ha riscosso un grande successo. L’esposizione su Tiziano è curata da Giovanni Villa.

“La Regione del Veneto – sottolinea il vicepresidente e assessore alla cultura Marino Zorzato – con la realizzazione di questo documentario ha voluto sostenere in maniera concreta la mostra dedicata a uno dei “grandi” della pittura veneta. Lo scopo dell’iniziativa è quello di evidenziare il contesto regionale entro cui si è sviluppata la pittura del grande artista e di mettere quindi in luce il rapporto stretto di Tiziano con il Veneto, il suo ambiente, le sue città, il suo paesaggio. Come Regione abbiamo, tra l’altro, pubblicato con Electa una poderosa collana sulla “Pittura nel Veneto, dalle origini al ‘900” che, attraverso il lavoro dei maggiori studiosi di storia dell’arte, per la prima volta ha fornito un quadro complessivo di una delle più esaltanti esperienze storico-artistiche nel panorama italiano ed europeo, di cui Tiziano è stato uno straordinario protagonista”.

La versione integrale del documentario sarà visibile nei siti della Scuola Grande di San Rocco e delle Scuderie del Quirinale.


La grande arte fa tappa nella Capitale dove fino al 16 giugno una grande mostra monografica dedicata al maestro del Rinascimento sarà ospitata alle Scuderie del Quirinale.

Roma dedica l’apertura primaverile delle Scuderie del Quirinale a Tiziano: dal 5 marzo al 16 giugno 2013 il museo ospiterà una grande mostra monografica, un percorso all’interno della rivoluzione pittorica moderna di cui il maestro è testimonianza finale e altissima. L'eccezionalità di Tiziano (Pieve di Cadore 1485 circa - Venezia 1576) era nell’essere capace di accordare “la grandezza e terribilità di Michel Agnolo, la piacevolezza e venustà di Raffaello, et il colorito proprio della Natura”, secondo l'immagine del poligrafo contemporaneo Ludovico Dolce, suo grande estimatore. Artista innovatore e poliedrico, Tiziano fu autore del rinnovamento della pittura del Rinascimento usando la forza espressiva del colore materico, sensibile agli effetti della luce. La mostra si aggiunge ai molteplici motivi per i quali visitare Roma in primavera.

L’esposizione ripercorre per la prima volta i sessant’anni dell’evoluzione pittorica di uno dei maestri della storia dell’arte del pieno Cinquecento, alle origini della pittura moderna. 47 dipinti: dal Concerto e la Bella di Palazzo Pitti, a la Flora degli Uffizi, la Pala Gozzi di Ancona, la Danae di Capodimonte, il Carlo V con il cane e l'Autoritratto del Prado o lo Scorticamento di Marsia di Kromeri: sono solo alcune delle opere più conosciute di Tiziano esposte alle Scuderie. Visitando la mostra sarà possibile ripercorrere i tratti salienti dell'inarrestabile ascesa del grande artista italiano: dagli esordi veneziani in seno alle botteghe di Giovanni Bellini e Giorgione all'autonomia acquisita con le grandi tele per i dogi, gli Este e i Della Rovere fino ad arrivare alle committenze imperiali di Carlo V e di Filippo II. Decennio per decennio, l'intera carriera di Tiziano sarà rappresentata sottolineando il magistrale senso del colore e l'evoluzione di una pennellata capace di travalicare i limiti dell'immaginario pittorico. Una mostra concepita per concludere idealmente l'ampio progetto di rilettura della pittura veneziana e di riflessione sul ruolo cardine che essa avuto nel rinnovamento della cultura italiana ed europea.

Per il soggiorno romano l’Hotel Quirinale (Via Nazionale 7, 06/4707 – Fax 06/4820099) pezzo di storia urbanistica della Capitale a du passi dalla Stazione Termini e da Piazza di Spagna, è il punto di partenza ideale. Da qui, infatti, si può raggiungere a piedi la mostra e le numerose attrattive dei dintorni: monumenti, negozi, brunch, aperitivi. Le zone comuni dell’hotel sembrano veri e propri musei, arredate con mobili d'epoca e decorate con dipinti ad olio originali.


avatar
sunflower

Messaggi : 2282
Data d'iscrizione : 25.02.13
Età : 31

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: LE GRANDI MOSTRE

Messaggio Da Sherazade il Sab 2 Mar 2013 - 19:02

a tale proposito...



questa è la pala dell'altare maggiore del duomo di Serravalle, ovviamente del Tiziano, chiesa dove sono stata battezzata e super-visitata dai turisti... una mostra sul Tiziano c'è stata tra dicembre 2007-gennaio 2008 a Belluno, veramente degna di nota.

Grazie Sun! Smile
avatar
Sherazade

Messaggi : 1605
Data d'iscrizione : 25.09.12
Età : 18
Località : Gioiosa Marca

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: LE GRANDI MOSTRE

Messaggio Da sunflower il Sab 2 Mar 2013 - 19:41

prego sher!
grazie anche a te per gli aggiornamenti sul duomo Smile
avatar
sunflower

Messaggi : 2282
Data d'iscrizione : 25.02.13
Età : 31

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: LE GRANDI MOSTRE

Messaggio Da miss marple il Dom 3 Mar 2013 - 13:39

Sun tu che sei brava, aggiorna anche l'elenco iniziale delle mostre, magari cancellando quelle già finite e mettendole in ordine per data sudo freddo grazie

_________________
avatar
miss marple

Messaggi : 5556
Data d'iscrizione : 04.09.12

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: LE GRANDI MOSTRE

Messaggio Da sunflower il Dom 3 Mar 2013 - 16:16

Smile lo farei davvero molto volentieri miss,ma per poter modificare i messaggi bisogna essere amministratori o moderatori,da utente non me lo lascia fare purtroppo! scusami tanto! Crying or Very sad
avatar
sunflower

Messaggi : 2282
Data d'iscrizione : 25.02.13
Età : 31

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: LE GRANDI MOSTRE

Messaggio Da miss marple il Dom 3 Mar 2013 - 18:23

che stupida che sono, èvero!! mo Sturm mi bacchetta sudo freddo

_________________
avatar
miss marple

Messaggi : 5556
Data d'iscrizione : 04.09.12

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: LE GRANDI MOSTRE

Messaggio Da sunflower il Dom 3 Mar 2013 - 20:32

tranquilla miss non ti preoccupare! Smile
io l'avrei fatto volentieri se avessi potuto.
aspettiamo allora istruzioni di sturm Smile
avatar
sunflower

Messaggi : 2282
Data d'iscrizione : 25.02.13
Età : 31

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: LE GRANDI MOSTRE

Messaggio Da miss marple il Lun 4 Mar 2013 - 0:14

fatto sudo freddo muscoli Smile

_________________
avatar
miss marple

Messaggi : 5556
Data d'iscrizione : 04.09.12

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: LE GRANDI MOSTRE

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Pagina 2 di 9 Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9  Seguente

Torna in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum