La settima arte

Pagina 1 di 3 1, 2, 3  Seguente

Andare in basso

La settima arte

Messaggio Da sturmunddrang il Lun 10 Set 2012 - 21:33

avatar
sturmunddrang
Admin

Messaggi : 3843
Data d'iscrizione : 05.09.12

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: La settima arte

Messaggio Da miss marple il Lun 10 Set 2012 - 23:41

Il cinema non morirà mai, ormai è nato e non può morire: morirà la sala cinematografica, forse, ma di questo non mi frega niente
(Mario Monicelli)
avatar
miss marple

Messaggi : 5556
Data d'iscrizione : 04.09.12

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: La settima arte

Messaggio Da La Sкaßalqaatsaя il Sab 15 Set 2012 - 18:33

prometheus: come fa un regista a sbagliare completamente il prequel di un film che ha fatto lui stesso?

_________________
si legge SCASSALCÁZZAIA

avatar
La Sкaßalqaatsaя
Admin

Messaggi : 3968
Data d'iscrizione : 04.09.12

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: La settima arte

Messaggio Da Emmaris il Lun 17 Set 2012 - 22:40

La Sкaßalqaatsaя ha scritto:prometheus: come fa un regista a sbagliare completamente il prequel di un film che ha fatto lui stesso?

Non l'ho ancora visto, tanto brutto?

Emmaris

Messaggi : 6
Data d'iscrizione : 17.09.12

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: La settima arte

Messaggio Da La Sкaßalqaatsaя il Lun 17 Set 2012 - 22:49

eh cacchio


buchi atroci nella sceneggiatura del tipo che qui vediamo una tecnologia che lui all'epoca del film non poteva avere, quindi il prequel è tecnologicamente più avanzato dell'episodio successivo ( di 30 anni fa , vabè)


fassbender dovrebbe essere un robot e si tinge la ricrescita dei capelli, vuole imitare 'o toole in lawrence d'arabia ma sembra peter murphy agli inizi dei 90.

l'alieno sembra majumbù

e poi sto pippone sulla demolizione di 300 anni di darwininsmo, sembra roba da giacobbo, anzi da crozza che fa giacobbbo al finto programma cazzengher.


disastri del solito segretario di produzione che dorme ( in una scena la tipa ha i guanti e in quella successiva no,per dire)

visibilmente stupendo. anche se il 3d non si vede proprio. ma la trama fa pena, mamma mia

_________________
si legge SCASSALCÁZZAIA

avatar
La Sкaßalqaatsaя
Admin

Messaggi : 3968
Data d'iscrizione : 04.09.12

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: La settima arte

Messaggio Da Emmaris il Lun 17 Set 2012 - 22:53

Lo temevo, infatti sto rimandando la visione per evitare la delusione. Ma ora affronterò più serena il robot con la ricrescita. Very Happy Già Passion di De Palma mi ha lasciato sconcertata. Quello non è un prequel ma sembra una summa del suo cinema sotto acidi

Emmaris

Messaggi : 6
Data d'iscrizione : 17.09.12

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: La settima arte

Messaggio Da La Sкaßalqaatsaя il Lun 17 Set 2012 - 22:54

passion di de palma non l'ho visto


l'altro giorno ho visto drive, stupendo, colonna sonora magnifica. hai un tag a riguardo ;)

_________________
si legge SCASSALCÁZZAIA

avatar
La Sкaßalqaatsaя
Admin

Messaggi : 3968
Data d'iscrizione : 04.09.12

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: La settima arte

Messaggio Da Emmaris il Lun 17 Set 2012 - 22:58

Passion era a Venezia, non so quando lo distribuiranno, lì è stato accolto molto male. Winding Refn è un grandissimo talento, speriamo si confermi con il prossimo film, c'è sempre Gosling

Emmaris

Messaggi : 6
Data d'iscrizione : 17.09.12

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: La settima arte

Messaggio Da La Sкaßalqaatsaя il Mar 18 Set 2012 - 18:53

ah ecco perchè non avevo visto il film di de palma ghghgh


io vidi redacted sempre a venezia. passato giorni fa credo su iris.

a me drive è piaciuto molto. quei silenzi così lunghi tra i due, l'amore tra di loro espresso con pochi piccolisimi gesti, e poi fotografia stupenda e colonna sonora altrettanto. quando esce il prossimo film ?


che mi dici di la pietà? consigli? mi hanno detto che la prima mezz'ora è da panico


_________________
si legge SCASSALCÁZZAIA

avatar
La Sкaßalqaatsaя
Admin

Messaggi : 3968
Data d'iscrizione : 04.09.12

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: La settima arte

Messaggio Da miss marple il Dom 4 Nov 2012 - 19:41

rifacendomi al post iniziale, eccovi quello che viene considerato il primo film italiano:
Anno 1911 - L'inferno - tratto dalla Divina Commedia - regia di Francesco Bertolini, Giuseppe de Liguoro e Adolfo Padovan. Qui Satana mangia un uomo



Notare gli effetti speciali Very Happy
oggi ci ridiamo sopra, ma parliamo di 100 anni fa e la cosa rende bene l'idea. Oggi per me senza il pc non saprebbero fare meglio Cool
qui il film intero: https://www.youtube.com/watch?v=bo4T3GUL9I0
avatar
miss marple

Messaggi : 5556
Data d'iscrizione : 04.09.12

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: La settima arte

Messaggio Da La Sкaßalqaatsaя il Lun 5 Nov 2012 - 17:30

io lo trovo meraviglioso.


a me piacerebbe moltissimo torvare film russi pre rivoluzionari.

una sera stavo a napoli e vedevo fuori orario o qualcosa del genere su una tv locale. il receptionistc he facev il turno di notte credoche foss eunostudente di scienze della comunicazione o cmq si occupava di scrittura per cinema o teatro. stavamo guardano proprio u film russo pre rivoluzionario ed eravamo sbalorditi dalla retorica borghese delle immagini, ch e tra l'altroerano davvero stupende perchè c'era una ricercatezza nella cura dei dettagli che era davvero godibilissimo.

considerato anche che per ch i studia comunicazione il cinema russo rivoluzionario epost rivoluzionario è veramente l'abc, è come l'incpit del "de bello gallico" al liceo per dire

_________________
si legge SCASSALCÁZZAIA

avatar
La Sкaßalqaatsaя
Admin

Messaggi : 3968
Data d'iscrizione : 04.09.12

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: La settima arte

Messaggio Da miss marple il Gio 27 Dic 2012 - 0:59

per caso qualcuno di voi ha già visto il film di Robert Redford ''la regola del silenzio''? rimba

_________________
avatar
miss marple

Messaggi : 5556
Data d'iscrizione : 04.09.12

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: La settima arte

Messaggio Da miss marple il Sab 12 Gen 2013 - 0:25


Oscar 2013, le nomination: 12 candidature per “Lincoln” di Spielberg
Exploit per “Silver Linings Playbook” di David O. Russell, “Amour" di Michael Haneke e “Beasts of the Southern Wild” di Benh Zeitlin. L'italiano Dario Marianelli in gara per la miglior colonna sonora con "Anna Karen

Rispettati i pronostici per le nomination agli Oscar 2013. “Lincoln” di Spielberg è il film con il maggior numero di candidature, ben 12, seguito da “Vita di Pi” di Ang Li con 11. A sorpresa invece si segnalano gli exploit di “Silver Linings Playbook” di David O. Russell con 8 candidature, di “Amour” di Michael Haneke con 5 nomination e di “Beasts of the Southern Wild” (titolo italiano “Re della terra selvaggia”) di Benh Zeitlin con 4 nomination.

Gareggeranno tutti per l’Oscar al miglior film insieme al musical di Tom Hooper “Les Miserables”, “Argò” di Ben Affleck, “Django Unchained” di Quentin Tarantino e “Zero Dark Thirty” di Kathryn Bigelow.

Tra le nomination spicca quella dell’italiano Dario Marianelli, per la colonna sonora di “Anna Karenina” di Joe Wright. Classe 1963, pisano, Marianelli ha composto le musiche di “V per Vendetta”, “Il colore della libertà”, “Il buio nell’anima”, “I fratelli Grimm e l’incantevole strega”. Già vincitore di un Oscar per “Espiazione” nel 2008, è alla sua terza nomination. Nel 2006 l’ha ottenuta per le musiche di “Orgoglio e pregiudizio”.

Le nomination nelle principali categorie degli Oscar 2013:

MIGLIOR FILM: Zero Dark Thirty, Django Unchained, ArgoLes, Miserables, Amour, Vita di Pi, Beasts of the Southern Wild, Il lato positivo, Silver Linings Playbook, Lincoln
MIGLIOR ATTORE: Daniel Day-Lewis – “Lincoln”, Denzel Washington – “Flight”, Hugh Jackman – “Les Miserables”, Bradley Cooper – “Silver Linings Playbook”, Joaquin Phoenix – “The Master”
MIGLIOR ATTRICE: Emmanuelle Riva – “Amour”, Jessica Chastain – “Zero Dark Thirty”, Naomi Watts – “The Impossible”, Quvenzhane Wallis – “Beasts of the Southern Wild”, Jennifer Lawrence – “Silver Linings Playbook”
MIGLIOR REGIA: Steven Spielberg – “Lincoln”, Michael Haneke – “Amour”, David O’Russell – “Silver Linings Playbook”, Ang Li – “Vita of Pi”, Benh Zeitlin – “Beasts of the Southern Wild”

_________________
avatar
miss marple

Messaggi : 5556
Data d'iscrizione : 04.09.12

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: La settima arte

Messaggio Da La Sкaßalqaatsaя il Sab 12 Gen 2013 - 0:48

secondo me il film di spielberg sarà il suo solito retoricissimo polpettone da oscar

_________________
si legge SCASSALCÁZZAIA

avatar
La Sкaßalqaatsaя
Admin

Messaggi : 3968
Data d'iscrizione : 04.09.12

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: La settima arte

Messaggio Da miss marple il Sab 12 Gen 2013 - 0:59

io ho letto cose positive su de Miserables, però anche questo deve essere il classico film in costume.

_________________
avatar
miss marple

Messaggi : 5556
Data d'iscrizione : 04.09.12

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: La settima arte

Messaggio Da miss marple il Lun 25 Feb 2013 - 12:19


http://www.corriere.it/spettacoli/13_febbraio_25/oscar-premiati_731334c8-7ef1-11e2-b686-47065ea4180a.shtml

LA CERIMONIA A LOS ANGELES
Oscar, «Argo» batte «Lincoln»
Day-Lewis e Lawrence migliori attori
Ang Lee premiato per la regia, «Amour» miglior film straniero. Waltz e Hathaway migliori attori non protagonisti


LOS ANGELES - Argo di Ben Affleck ha vinto l'Oscar come migliore film in una edizione in cui ha regnato un grande equilibrio e dove ognuno dei film nominati ha vinto uno o più Oscar importanti. Seppure mancasse un favorito per questa edizione degli Oscar, Ang Lee - premiato per la regia - e il suo Vita di Pi hanno sbaragliato, in termini numerici, la concorrenza degli altri film in gara vincendo la bellezza di quattro Oscar, tra cui migliore regia. In una edizione particolarmente musicale della cerimonia di premiazione più attesa nel mondo del cinema con moltissime esibizioni canore che hanno preso vita sul palco del Dolby Theatre è stato il trionfo anche di Les Misérables, che ha vinto tre statuette, tra cui quella per la migliore attrice non protagonista andata a una commossa Anne Hathaway che ha ringraziato il marito, al momento di ricevere l'ambito premio.

IL TRIS DI DAY-LEWIS - A parte Vita Pi, Argo e Les Misérables, nessun film ha toccato quota tre statuette. Solo due quelle assegnate al plurinominato Lincoln, tra cui, come largamente previsto, l'Oscar come migliore attore andato a Daniel Day-Lewis per la sua straordinaria interpretazione. L'attore è l'unico nella storia ad avere vinto tre volte nella categoria più importante. Un Oscar importante anche per Il lato positivo che ha visto trionfare la giovane Jennifer Lawrence, che è anche inciampata al momento di ritirare la statuetta come migliore attrice protagonista.

NON PROTAGONISTI - L'Oscar per il migliore attore non protagonista invece è andato, per la seconda volta in tre anni, e sempre grazie a un film di Tarantino, a Christoph Waltz, per Django Unchained, dopo averlo vinto anche per Inglorious Basterds. L'Oscar come migliore sceneggiatura originale è andato a Quentin Tarantino che ha esaltato la qualità dei testi in gara in questa edizione: «È stato l'anno delle grandi sceneggiature». Migliore film d'animazione Brave, migliore film straniero l'austriaco Amour.


LA GIOIA DI AFFLECK - «Non avrei mai immaginato di tornare su questo palco». Così Ben Affleck, regista e co-produtture di Argo, ha accolto la statuetta per il miglior film. «Ringrazio tutti coloro che mi hanno aiutato. Non succede nulla se si viene buttati giù, quello che conta e sapersi rialzare». La vittoria di Argo segna il grande ritorno dell'attore-regista che aveva vinto un Oscar nel 1997 per Will Hunting come miglior sceneggiatura non originale per poi attraversare una serie di disavventure professionali e personali tanto da venire considerato «finito». Sul palco con Affleck anche George Clooney, co-produttore insieme a Grant Heslov.

_________________
avatar
miss marple

Messaggi : 5556
Data d'iscrizione : 04.09.12

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: La settima arte

Messaggio Da miss marple il Lun 25 Mar 2013 - 23:36

http://www.ilfattoquotidiano.it/2013/03/25/fatto-del-lunedi-e-25-frasi-da-film-scegliete-vostra-preferita/541122/


Frasi epiche. Battute talmente ripetute, recitate, reinterpretate da vivere di vita propria. Fuori dal contesto. Fuori dal film di “appartenenza”. Noi de Il Fatto Quotidiano ne abbiamo selezionate 25 – da “sono in missione per conto di Dio – dei Blues Brothers, ad Humphrey Bogart con il suo “è la stampa bellezza, non puoi farci niente”; fino al dialogo surreale tra Mario Brega e Carlo Verdone sulle olive greche. Abbiamo parlato con due celebri sceneggiatori italiani, Dardano Sacchetti e Francesca Marciano, per svelare i loro segreti, per capire come nascono alcune delle battute celebri. Trovate la loro opinione sul numero del lunedì in edicola.
E voi cosa ne pensate? Lasciando fuori concorso la celebre frase di “Blade runner” (“Ho visto cose che voi umani…”), scegliete la vostra frase preferita tra le nostre 25, oppure scrivete la vostra nei commenti.

Il Fatto del lunedì e 25 frasi da film. Scegliete la vostra preferita
Il padrino 1972: “Ti farò un’offerta che non potrai rifiutare”
Borotalco 1982: “Senti sto' prosciutto t'ho detto è dorce, è un succhero. E st'olive, senti, queste so' greche so', e daje so' greche... so' bone, come so'? E Sergio: So' greche...”
Una 44 magnum per l'ispettore Callaghan 1973: “Ogni uomo dovrebbe conoscere i propri limiti”
Blues Brothers 1980: “Siamo in missione per conto di Dio!”
Il secondo tragico Fantozzi 1976: “La corazzata Potemkin è una cagata pazzesca!”
Ecce Bombo 1978: “Mi si nota di più se vengo e me ne sto in disparte o se non vengo per niente? Vengo. Vengo e mi metto, così, vicino a una finestra, di profilo, in controluce”.
Amici miei 1975: “Come se fosse antani con la supercazzola prematurata, con lo scappellamento a destra”.
Il Gladiatore 2000: “Al mio segnale, scatenate l'inferno”
Animal House 1978: “Quando il gioco si fa duro, i duri cominciano a giocare”
Shining 1980: “Wendy, tesoro, luce della mia vita! Non ti farò niente. Solo che devi lasciarmi finire la frase: ho detto che non ti farò niente. Soltanto, quella testa te la spacco in due”.
Arancia meccanica 1971: “E d'un tratto capii che il pensare è per gli stupidi, mentre i cervelluti si affidano all'ispirazione”
Ogni maledetta domenica 1999: “Ogni domenica puoi vincere o perdere. La questione è: sei capace di fare entrambe le cose da uomo?”
L’ultima minaccia 1952: “È la stampa bellezza e tu non ci puoi fare niente”
Manhattan 1979: “Anche tu fai assegnamento sul cervello. Senti, il cervello è l'organo più sopravvalutato, io credo”.
Per un pugno di dollari 1964: “Quando un uomo con la pistola incontra un uomo col fucile, quello con la pistola è un uomo morto”
Via col vento 1939: “Dopotutto, domani è un altro giorno!”
Full metal jacket 1987: “Come diceva John Wayne: Un giorno senza sangue è come un giorno senza sole”
Casablanca 1942: “Baciami, baciami come se fosse l'ultima volta”
Forrest Gump 1994: “La vita è come una scatola di cioccolatini, non sai mai quello che ti capita”
L’attimo fuggente 1989: “Qualunque cosa si dica in giro, parole e idee possono cambiare il mondo”

_________________
avatar
miss marple

Messaggi : 5556
Data d'iscrizione : 04.09.12

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: La settima arte

Messaggio Da Lia6641 il Mer 8 Mag 2013 - 18:43

Festa del Cinema: in sala ingresso a prezzo ridotto dal 9 al 16 maggio

Prendera' il via giovedi' 9 la "festa del cinema", iniziativa promossa e sostenuta dalle associazioni dell'industria cinematografica Anec, Anem, Anica, insieme a Acec e Fice. Fino al 16 maggio in tutta Italia il biglietto per l'ingresso nelle sale cinematografiche sara' a prezzo ridotto: 3 euro per i film in 2D e 5 euro per quelli in 3D. Diversi i volti del cinema italiano che hanno deciso di sostenere l'iniziativa in qualita' di testimonial: Luca Argentero, Cristiana Capotondi, Paola Cortellesi, Vanessa Incontrada, Vinicio Marchioni, Luca Miniero, Rocco Papaleo, Pasquale Petrolo, Michele Placido, Michele Riondino, Sergio Rubini ed Emilio Solfrizzi. E in occasione della Festa del Cinema saranno numerose le iniziative organizzate dagli esercenti nei cinema del Paese per accogliere e coinvolgere il pubblico nei giorni della manifestazione: lezioni di cinema, concorsi a premi, laboratori per ragazzi e bambini, visite guidate, mostre e workshop, retrospettive, incontri con attori e registi, proiezioni di classici del cinema, corti, documentari e cinegiornali, ed anche sconti su bevande e pop corn e altro ancora.
L'apertura della festa sara' giovedi' 9 a Firenze al cinema Fulgor con l'anteprima del film "Mi Rifaccio Vivo" di Sergio Rubini alla presenza del regista e di alcuni dei protagonisti. Il red carpet e le interviste in sala verranno trasmessi in diretta in molti cinema italiani collegati via satellite, grazie a Open Sky. L'evento vede la collaborazione di Fandango, Rai Cinema, 01 Distribution, Regione Toscana e FST - Toscana Film Commission. Da segnalare che per tutti gli iscritti al sito www.festadelcinema.it continuano i contest "Premi da Star" e "Caccia al Film", con in palio tantissimi premi donati dall'intera filiera cinematografica, a conferma del suo sostegno alla Festa del Cinema: per partecipare basta registrarsi al sito www.festadelcinema.it o connettersi con il proprio profilo Facebook. La rassegna, nata sulla scia del successo che ha in Francia la 'Fete du cinema' giunta alla 28esima edizione, vuole favorire attraverso una riduzione del prezzo del biglietto l'aumento, per contro, dell'afflusso di pubblico nelle sale cinematografiche, cosi' da far apprezzare la vera bellezza e il fascino esercitato dal grande schermo.

http://www.agi.it/spettacolo/notizie/201305071305-spe-rt10172-cinema_nelle_sale_ingresso_a_prezzo_ridotto_dal_9_al_16_maggio
avatar
Lia6641

Messaggi : 508
Data d'iscrizione : 14.09.12
Età : 48

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: La settima arte

Messaggio Da sunflower il Mer 8 Mag 2013 - 19:24

grazie della news lia!
avatar
sunflower

Messaggi : 2282
Data d'iscrizione : 25.02.13
Età : 31

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: La settima arte

Messaggio Da Lia6641 il Mer 8 Mag 2013 - 19:54

sunflower ha scritto:grazie della news lia!

inchino
avatar
Lia6641

Messaggi : 508
Data d'iscrizione : 14.09.12
Età : 48

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: La settima arte

Messaggio Da miss marple il Gio 9 Mag 2013 - 11:45

è tanto che non vado al cinema, sarebbe una buona occasione grazie

_________________
avatar
miss marple

Messaggi : 5556
Data d'iscrizione : 04.09.12

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: La settima arte

Messaggio Da miss marple il Gio 23 Mag 2013 - 11:46

http://www.repubblica.it/spettacoli/cinema/2013/05/22/news/uccelli_hitchcock_50-59357532/?ref=HRERO-1

"Gli Uccelli", 50 anni di terrore

Compie mezzo secolo il cult firmato Hitchcock, fonte di paranoia per diverse generazioni di spettatori. Lo festeggiamo regalandovi un filmato inedito. E proponendovi un sondaggio sulle dieci scene da film più agghiaccianti


ARGOMENTI:gli uccelli film cinema cult capolavori anniversari
PROTAGONISTI:alfred hitchcock tippi hedren
INQUIETANTI. Silenziosi. Tenaci. Apparentemente innocui. E invece implacabili. Invincibili. Letali. Un concentrato di inspiegabile terrore, di ancestrali paure, di incontrollabili paranoie. Chiunque abbia visto Gli uccelli con gli occhi di Alfred Hitchcock, nell'omonimo film del 1963, non può aver dimenticato queste sensazioni. Frutto della maestria del grandissimo regista. Così bravo a manipolare le nostre emozioni da aver provocato, in molti spettatori di ieri e di oggi, una vera e propria fobia per i pennuti.



Ecco perché vale la pena di festeggiare il mezzo secolo della pellicola. Un anniversario che ha spinto la Universal a pubblicare due collection in blu-ray, con 14 capolavori del mago del brivido, ricchi di contenuti speciali; e con quattro titoli (oltre Gli Uccelli, La finestra sul cortile, Complotto di famiglia, Sabotatori) disponibili anche in versione singola. Ma non basta. Perché anche Repubblica.it vuole partecipare alle celebrazione, con due proposte per i suoi lettori. La prima è il video inedito del provino della protagonista del film Tippi Hedren, che vi mostriamo in ecslusiva. La seconda è un videosondaggio in cui vi chiediamo di votare la più agghiacciante tra dieci scene celebri del cinema, scelte da noi e tratte da altrettanti film "di paura". Da Shining a L'Esorcista. Ma in cui abbiamo abbiamo volutamente tralasciato sequenze splatter.

E sicuramente, in questa top ten (arbitraria) del terrore cinematografico, ci sarà chi sceglierà proprio Gli Uccelli. Tratto dall'omonimo romanzo di Daphne Du Maurier, scrittrice a cui il regista si era già ispirato con Rebecca la prima moglie. Ambientato in una cittadina nei pressi di San Francisco, ha come protagonista l'ereditiera viziata Melanie (Tippi Hedren) che dalla città si sposta in questa tranquilla località per rivedere Mitch (Rod Taylor), incontrato per caso. Ma qui ne accadono di tutti i colori: in un crescendo di suspence senza fine, volatili di vario tipo attaccano gli esseri umani, apparentemente senza motivo. Un pretesto per il regista per mostrare tutto il suo virtuosismo terrorizzante, come già aveva fatto, tre anni prima, col capolavoro Psycho.

Nel caso degli Uccelli, oltre a diventare subito cult, la pellicola è stata sezionata in tutti i modi, per cercare di carpirne i segreti. E i significati nascosti. Anche se Hitch ha sempre insistito sul fatto che un vero messaggio, una morale, non ci sono: "Tutto ciò che si può dire a proposito del film - dichiarò in un'intervista - è che la natura può essere tremenda, se vi si scherza. La storia mostra i pericoli della natura: perché non v'è dubbio che se milioni di pennuti decidessero di attaccare gli occhi delle persone, allora avremmo il Regno dei ciechi del racconto di H.G. Wells... In ogni caso, gli spettatori sono catturati, intrappolati". Parole, queste che mostrano come il mago del brivido sapesse pescare nelle paure profonde, ancestrali dell'uomo: come quella di non vedere, appunto.

Ma non basta. Perché Gli Uccelli è un film che ha fatto discutere anche per il legame ossessivo, una sorta di stalking, tra il regista e la protagonista (da lui diretta anche in un'altra opera controversa, Marnie): secondo alcune ricostruzioni, il mago del brivido, dopo essersene innamorato e aver ottenuto un rifiuto, l'avrebbe molestata sui set, con minacce e pesanti comportamenti sessuali. "Il mio rapporto con lui è stato imbarazzante, difficile e offensivo - ha ammesso la Hedren - mi disse: "Se te ne vai, ti rovino la carriera. E così fece". Della serie: il lato oscuro (e reale) di un capolavoro.








Io voto per la scena proprio di ''uccelli'' , quella prima e dopo l'attacco quando loro camminano in mezzo ai volatili per arrivare all'auto per scappare aiut

La storia della Hedren la sapevo, era fissato di brutto con le bionde Suspect
avatar
miss marple

Messaggi : 5556
Data d'iscrizione : 04.09.12

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: La settima arte

Messaggio Da La Sкaßalqaatsaя il Gio 23 Mag 2013 - 11:57

questo me lodevo davvero leggere con calma

_________________
si legge SCASSALCÁZZAIA

avatar
La Sкaßalqaatsaя
Admin

Messaggi : 3968
Data d'iscrizione : 04.09.12

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: La settima arte

Messaggio Da miss marple il Lun 26 Ago 2013 - 12:18


CINEMA
Mostra di Venezia tra Rumsfeld e le Femen:
le star vengono dalla storia e dall'attualità


Mercoledì l'inaugurazione ufficiale dell'edizione numero 70. Non mancano i volti hollywoodiani, ma l'attesa è anche per i personaggi "veri": in arrivo l'ex segretario di Stato alla Difesa Usa protagonista di un documentario, Lech Walesa per un film di Wajda e le attiviste ucraine alle quali è dedicato un documento che svela qualche segreto...

ROMA - Il direttore Alberto Barbera l'aveva detto: non sono questi i tempi per affrontare i costi a vbolte esorbitanti che l'arrivo delle star (e dei loro entourage) al Lido comporta. Ma se alla Mostra del cinema di Venezia 2013 (si inaugura mercoledì 28) alla fine alcuni grandi nomi non mancheranno, parecchi volti "celebri" potrebbero arrivare dall'attualità e dalla storia recente. Ad esempio: una delegazione di Femen, il gruppo di protesta ucraino composto da donne che scendono in piazza a seno nudo. Ma pure Lech Walesa, il fondatore di Solidarnosc, protagonista di un film-omaggio che il conterraneo Andrzej Wajda gli ha dedicato. E l'ex segretario di Stato alla Difesa Usa, Donald Rumsfeld, per il documentario di Errol Morris The unknown known.

Clooney, what else? Il sipario sulla Mostra numero 70 si alza mercoledì, in realtà la Biennale ha organizzato una pre-apertura per martedì 27, alle 20.30 all'Arena di Campo San Polo, con la proiezione di Le mani sulla città (Leone d'oro cinquant'anni fa) di Francesco Rosi (Leone d'oro alla carriera lo scorso anno), restaurato dalla Cineteca Nazionale di Roma. Inaugurazione ufficiale il 28 (madrina la top model e attrice Eva Riccobono) con il thriller fantascientifico Gravity di Alfonso Cuaròn - ed ecco le prime celebrità - protagonisti Sandra Bullock e George Clooney, entrambi al Lido. Insomma, una o due star al giorno non mancheranno e quando si scarseggia si potrà contare su Marina Abramovic, l'artista serba dalle performance estreme prevista ufficialmente in almeno due occasioni: il 27 per l'anteprima del suo film James Franco: the Last Unicorn e il 30 protagonista lei stessa di un evento che prevede tre proiezioni (per le Giornate degli autori) del documentario di Giada Colagrande The Abramovic method con gli spettatori seduti su sedie a sdraio bianche


L'uomo dei presidenti. Rumsfeld, si diceva. Il documentario The unknown known (in concorso) racconta il dietro le quinte della storia americana recente con una lunga intervista all'ex segretario di Stato alla Difesa Usa Donald Rumsfeld. ha lavorato sotto Gerald Ford e George W. Bush, è stato il più giovane e il più anziano uomo politico a ricoprire quel ruolo, è stato anche ambasciatore Usa alla NATO, Capo di Gabinetto della Casa Bianca e Presidente della multinazionale farmaceutica G. D. Searle&Co. E al documentarista Errol Morris (Oscar nel 2004 per The fog of war: la guerra secondo Robert McNamara) racconta degli esordi negli anni Sessanta fino all'invasione dell'Iraq nel 2003.


L'uomo della speranza. Questo il titolo del nuovo film che Andrzej Wajda ha dedicato a Lech Walesa, in arrivo al Lido. Le vicende storiche degli anni '80 e il privato, la sfera intima dei protagonisti del cambiamento politico. Non solo le riunioni di partito e le trattative ma anche il modesto appartamento dell'uomo Walesa a Danzica e la vita familiare del leader. Dopo L'uomo di marmo e L'uomo di ferro, Walesa. L'uomo della speranza conclude il trittico di Wajda. Nel cast accanto ai protagonisti Robert Wieckiewicz e Agnieszka Grochowska c'è anche Maria Rosaria Omaggio nei panni di Oriana Fallaci.


Cattive ragazze. Ukraine is not a Brothel. Con questo titolo la regista Kitty Green racconta (fuori concorso) come nasce il movimento delle Femen, il gruppo femminista che ha suscitato scalpore per le manifestazioni in topless. Nato nelle strade dell'Ucraina postsovietica, con la sua guerra "nuda" contro il patriarcato, il gruppo ha investito i media europei ma uno sguardo intimo dentro la vita di queste donne e la bizzarra rivelazione delle "forze patriarcali" che alimentano l'organizzazione dimostrano che le attiviste non sarebbero le "focose femministe" che dicono di essere. In realtà si punta comunque sull'effetto mediatico che una loro partecipazione alla Mostra (praticamente certa) potrebbe provocare - le ragazze hanno già "inaugurato" lo scorso Festival di Berlino con una protesta contro le mutilazioni genitali femminili.


Quelli che hanno detto no. Per quel che riguarda gli assenti, non ci sarà Matt Damon per il film di Terry Gilliam The Zero Theorem ma è previsto il protagonista Cristoph Waltz, ammesso che riesca a liberarsi dal set di Big Eyes di Tim Burton. Non si parla del maestro giapponese dell'animazione Hayao Miyazaki e resteranno delusi anche coloro che aspettavano il ciclista americano (finito nella bufera per doping) Lance Armstrong, al quale è dedicato il documentario The Armstrong Lie di Alex Gibney.

Quelli che hanno detto sì. Dopo Clooney, Bullock e Cuaròn la lista di quelli che hanno detto sì prosegue con William Friedkin (L'esorcista) al quale verrà consegnato il Leone d'oro alla carriera, con Mia Wasikowska (Tracks), Nicolas Cage (Joe), la coppia "hot" di The Canyons composta da Lindsay Lohan e dal pornodivo Usa James Deen. Nel weekend sbarcheranno Judi Dench protagonista di Philomena di Stephen Frears, Dakota Fanning per l'americano Night Moves, James Franco atteso alla regia con Child of God (in concorso) e protagonista in Palo Alto di Gia Coppola, presente anche Emma Roberts, la stilista Agnes B che debutta come regista, e soprattutto Daniel Radcliffe e Zac Efron.

Tra Scarlett e Zappa. Nella seconda settimana di festival l'attesa sarà tutta per Scarlett Johansson, star di Under the skin di Jonathan Glazer. Attesi poi: Tom Hardy per Locke di Steven Knight, lo storico artista manga, creatore di Capitan Harlock, Leiji Matsumoto e poi Rebecca Hall e Alan Rickman per il film di Leconte Une promesse e Louis Garrel e Anna Mouglalis per La Jalouisie di Garrel padre. In arrivo pure la famiglia di Frank Zappa per il documentario  di Salvo Cuccia Summer 82 when Zappa came to Sicily sul musicista scomparso vent'anni fa.

La carica degli italiani. Lunga la lista degli italiani: da Paola Cortellesi a Luca Argentero, da Carolina Crescentini a Stefano Accorsi, da Alba Rohrwacher scienziata in Con il fiato sospeso di Costanza Quatriglio a Valerio Mastandrea (La mia classe di Daniele Gaglianone), Antonio Albanese Intrepido per Amelio, Emma Dante e le altre donne di Via Castellana Bandiera (Alba Rohrwacher e Elena Cotta), Maria Rosaria Omaggio che interpreta la Fallaci (coronando un suo sogno) nel film di Wajda, il maestro Tinto Brass e l'allieva Serena Grandi che accompagneranno il documentario Istintobrass. Poi ci sono i grandi: Bernardo Bertolucci presidente di giuria, Ettore Scola che racconterà Fellini, Francesco Rosi, Carlo Lizzani.
avatar
miss marple

Messaggi : 5556
Data d'iscrizione : 04.09.12

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: La settima arte

Messaggio Da La Sкaßalqaatsaя il Ven 30 Ago 2013 - 14:16

vistol'arte  della felicità


stupendp
 ci siamo anche fermatiper l'incontro con gli autori.

dietro di me stava enrico ghezzi, ha un parkinson micidiale  povero, sembra michael j fox

_________________
si legge SCASSALCÁZZAIA

avatar
La Sкaßalqaatsaя
Admin

Messaggi : 3968
Data d'iscrizione : 04.09.12

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: La settima arte

Messaggio Da Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Pagina 1 di 3 1, 2, 3  Seguente

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum